Sugo di indivia belga e aceto balsamico


Sugo indivia belga e aceto balsamicoAvete notato che le persone che sono innamorate delle insalate amare, soprattutto dei radicchi, quando vi descrivono il loro piacere nel mangiarle lo fanno come se parlassero di sesso e comunque di un qualcosa che provoca in loro un enorme piacere?

Questa cosa non l’ho mai capita e a me avere il radicchio amarissimo come contorno non mi da soddisfazione anzi orienta il mio spirito in modalità tristezza e rassegnazione. Il radicchio ripeto.

Me lo fanno le verdure amare e crude, quasi tutte, e riesco a tollerarle soltanto se sono associate ad altri vegetali crudi dove col loro sapore smorzano l’amaro. La stessa cosa la provocano gli amaretti e comunque le mandorle amare in generale. Non mi capisco, il Fernet è uno dei miei amari preferiti.

Però l’indivia belga non è uguale. Mi piace cotta e cruda e, essendo disponibile tutto l’anno, la usiamo frequentemente. Sovente cruda, lavata e da pescare non condita da un piatto posto al centro tavola per accompagnare – croccante e fresca – altri cibi.

Un sugo facile per condire la pasta e soprattutto la pasta all’uovo che, con la sua dolcezza, entra bene in armonia con questo vegetale.

  • 400 grammi di indivia belga
  • 50 grammi di pancetta
  • 2 spicchi d’aglio
  • 4 cucchiai di olio evo
  • 5 o 6 cucchiai di aceto balsamico (quello da supermercato, non sprecate l’aceto balsamico tradizionale)
  • mezzo cucchiaino di zucchero
  • sale

A freddo aggiungere all’olio l’aglio schiacciato e la pancetta tagliata a quadratini piccolissimi. A fuoco moderato fate insaporire l’olio e sciogliere il maiale.

Quando l’aglio sarà imbiondito toglierlo e aggiungere l’indivia tagliata sottilmente perpendicolare alla lunghezza.

Salare, alzare il fuoco e saltate fino a che l’indivia non sarà appassita.

Aggiungere lo zucchero e, dopo che sarà caramellato un poco, l’aceto balsamico.

Fate evaporare l’agro ed il sugo è pronto.

Fateci saltare la pasta a fuoco vivo, togliete dal fuoco e aggiungete una buona dose di parmigiano grattugiato. In questo caso è indispensabile.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cucinare e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...