Petto d’anatra (a bassa temperatura)


Petto d'anatra a bassa temperaturaAvevo già cotto a bassa temperatura qualcosa, le uova utilizzando la lavastoviglie. Però non avevo mai provato con la carne d’anatra.

È stata una lotta durissima. L’ho provata domenica prendendo come spunto un mezzo petto d’anatra che avevo e ho dovuto convincere mia moglie a interrompere il ciclo di lavatrici domenicali in mio (nostro) favore.

Avevo un poco di timore devo ammetterlo a cuocere così, improvvisando, un volatile ma poi, ho detto tra me e me, cosa succederà in fondo lo hai già mangiato da qualche parte. Cuocerà a circa 80 gradi fin quando non raggiungerà i 65 gradi.

Raggiunti i 45 gradi però la batteria del termometro va ai kaki e mi arrangio facendo la proporzione tra il tempo, la temperatura raggiunta e quella che vorrei. Fallisco miseramente e la cottura va oltre venendone fuori però una carne ancora ricca dei suoi umori, leggermente rosa e affatto asciutta. Intenso l’odore ed il sapore dell’anatra.

Che poi, diciamoci la verità, questa non è cottura a bassa temperatura. Questo è un modo raffazzonato per provare a far qualcosa.

  • 1 petto d’anatra
  • 4 spicchi d’aglio
  • olio extra vergine d’oliva
  • sale

Pulite il petto dalle piume che possono essere ancora attaccate e dategli una bella forma ritagliando la pelle in modo che non ci siano pezzi di pelle o carne che penzolano.

Ungete un poco la pelle con pochissimo olio e appoggiatelo sopra ad una teglietta con la pelle rivolta verso l’alto.

Schiacciate l’aglio e ungetelo, mettetelo intorno all’anatra.

Mettete la teglietta nel forno riscaldato a 80 gradi e andate a vedere un film, almeno un tempo.

A cottura ultimata tamponate gli umori che avrà rilasciato: un poco di sangue e di grasso proveniente dalla pelle. Lasciatelo riposare 5 minuti.

Rendete incandescente una padella e appoggiateci il petto dalla parte della pelle fin quando non sarà croccante, poi rigiratelo e fate venire una crosticina anche dall’altra parte. Ma non esagerate.

Tagliatelo in fette sottili circa 5 millimetri dopo aver salato la pelle. Aggiustate di sale anche la carne e servite con un filo di olio e di pepe.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cucinare e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...