Come fare le uova sode (e altre cotture visto che ci siamo)


Ovo. Una delle cose che hanno insegnato a mio figlio all’asilo è a sgusciare l’uovo sodo. Lui adora farlo ma l’uovo sodo non gli piace e lo lascia li. Se ci metto la salsina di capperi e acciughe lui mangia quella e l’uovo, tutto leccato, resta sul piatto. Il tuorlo soprattutto non è tollerato.

L’unico modo in cui gli piace è alla coque, con i pezzettini di pane. A casa mangia le uova fatte dalle galline del nonno.

Io e mia moglie invece le uova le mangiamo in tutti i modi. L’unica versione che non riesco a ingurgitare è crudo, come Roky Balboa. L’ho fatto una volta sola perché una lontana zia che non c’è più, dopo un pasto a parlare di bere e a bere e ribere rosato prodotto da lei assieme ad un ottimo cacciucco anch’esso fatto da lei, mi consigliò di mandare giù un uovo crudo prima di andare a letto “… per tenere giù l’alcol e così non sporchi”. Immaginatevi il risultato.

Ogni volta che però devo preparare le uova sode – e comunque cotte nel guscio – entro un poco in crisi. Non mi ricordo mai i tempi. Poi mia moglie si lamenta, li vuole con la goccia e a volte vengono ma spesso sono completamente sode; o troppo crude. Quasi mai hanno quell’alone verde intorno al tuorlo, ma in quel caso sono guai per me.

Quindi ho deciso di farmi un piccolo appunto rispetto a modi e tempi per la cottura delle uova nel guscio.

Per prima cosa l’acqua deve essere sempre bollente, o meglio, arrivata a bollore abbassate la fiamma e fate sobbollire sia per le uova alla coque che per le uova bazzotte. Anche per quelle sode ma, in questo caso, è meglio partire da acqua fredda.

Uova alla coque: immergere le uova, meglio aiutandosi con un cucchiaio per non farle rompere in un eventuale impatto, nell’acqua che sobbolle e toglierle dopo 3 minuti.

Uova bazzotte: procedere come le precedenti ma lasciar sobbollire per 5 o 6 minuti. Appena tolte freddarle con acqua fredda.

Uova sode: se partite da acqua che sobbolle fatele cuocere per 10 minuti e poi raffreddare. Se partite da acqua fredda avrete un sapore leggermente migliore e, al momento in cui parte il bollore, dovete far sobbollire per 7 minuti. Anche queste vanno raffreddate.

“Chiedete un uovo sodo al vostro lattaio. Pregatelo di sperarlo, cioè di guardarlo contro luce, per controllarne la freschezza. Di solito l’uovo sarà di gallina. Ritornate a casa cercando di mantenere l’uovo intatto. È consigliabile preparare l’uovo in cucina, su un fornello. Attenzione! Non mettere l’uovo direttamente sul fornello, ma dentro una casseruola. In precedenza versare nella casseruola una quantità d’acqua sufficiente a coprire l’uovo … Potrete ottenere l’acqua anche girando la chiavetta collocata, nella maggioranza dei casi, sopra l’acquaio; sul fuoco dovrete mettere la casseruola contenente l’acqua nella quale è immerso l’uovo. Se l’acqua è fredda potrete farla scaldare dopo aver acceso il fuoco del fornello. Si accende il fornello mediante un fiammifero estratto da un’apposita scatoletta, avendo cura di strofinare uno dei due lati ricoperti di fosforo rosso.” Jonesco E., Come preparare un uovo sodo, Teatro 2, (1967). tr.G. R. Morteo. Torino, Einaudi.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cucinare e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...